top

Libri del mese

 

Sentieri himalayani

Sette racconti di viaggio ed altrettanti itinerari in una delle regioni più suggestive e sacre del pianeta, con una guida d’eccezione come Jacques Vigne. Medico psichiatra, ricercatore, maestro di meditazione, per la prima volta, e per il pubblico italiano, raccoglie in un libro le sue esperienze di viaggiatore e di guida sui sentieri himalayani.

 

Una gioia di nonsense

Perché abbiamo bisogno del comico e dell’assurdo? Da dove viene l’interesse per una forma poetica così poco convenzionale come il nonsense? Andare oltre il pensiero razionale, accogliere il senso nudo dell’esistenza ha un effetto liberatorio, salvifico, persino gioioso.


PDFStampaE-mail


Perché smisi di essere scimmia
Ingrandisci


Perché smisi di essere scimmia

( MC Editrice )
€16,50

Disponibilità

A Magazzino: 500

Di solito viene spedito in:

3-5 gg.

:

:

:

:

:


Michela Bianchi

Perché smisi di essere scimmia. Grazie a Kafka

Illustrazioni: opere originali di Francesco Santosuosso

pp. 96

ISBN: 978-88-88432-33-5

formato 15 x 21

scheda






La nostra identità consiste fondamentalmente nella memoria: la memoria del nostro io, ma anche di tutti gli “io” che hanno costituito la nostra evoluzione. La “confessione” della scimmia Peter rappresenta per ciascuno di noi un dono: un aiuto ad allungare questa nostra identità nel passato e anche nel futuro…

dalla Prefazione di Paolo De Benedetti

La scrittura scenica si ispira al racconto di Kafka Relazione per una Accademia e ne riprende alcune parti in un racconto che assume poi un percorso autonomo e originale. Ciò che Michela Bianchi mantiene e sviluppa è l’impianto del racconto kafkiano che procede per paradossi e sorprese e chiama il lettore a prender parte, a rispondere, a sbilanciarsi.

“Il vostro stato di scimmie, credetemi, / per quanto voi abbiate qualcosa del genere sulle spalle, / non può essere più lontano / di quanto lo sia il mio da me…”: le parole di Peter ci scuotono da subito sul fragile terreno dei confini della nostra identità; provocano ma con innocenza (“era così facile imitare gli uomini…”), aprono spazi di ilarità e di scherno (“ho imparato tante cose, come un vero europeo, studiando tutto al gabinetto…”) subito seguiti da momenti di intensa commozione, ci conducono senza mediazioni all’interno di una storia che presenta “tutte le sfacciate assurdità di cui la vita è beatamente piena”.

Una scrittura che misura il mondo del qui e ora e mostra come anche il male possa trasformarsi in una possibilità.

  • Punti di forza

La scrittura scenica mostra quanto ci sia ancora da scoprire in uno scrittore che è diventato un classico del Novecento.

La veste grafica della scrittura scenica è pensata per la rappresentazione teatrale: l’impaginazione del testo è in funzione del ritmo e del tono della voce e allude agli spostamenti sulla scena.

Le immagini sono state appositamente realizzate dall’artista Francesco Santosuosso.

  • L’autore

Michela Bianchi, fondatrice di MC, giornalista professionista dal 1982, è autrice di saggi e scritture teatrali.




Titoli correlati

€15,50
€16,00
€16,50



Collane


bottom

Creative Commons License MC Editrice s.a.s. - Via Vigevano, 45 Milano IT - CF e P.I.: 11073520154. Si accettano i Termini di utilizzo. Powered by Joomla!